Euro 2020 Massimo Solari

L’azzardo e il valore delle emozioni condivise

Leggi l’editoriale di Massimo Solari che chiude la rassegna continentale

Image

Non ha sicuramente registrato il successo di alcuni predecessori, selezionati per fare da colonna sonora ai grandi tornei del passato. Mentre tra le vie di Londra, Roma e Lugano si sente ancora canticchiare «notti maaagicheee», l’inno ufficiale di Euro 2020 sembra però racchiudere in sé - meglio di altri testi - il senso più profondo di quanto vissuto in questo mese. «We are the people we’ve been waiting for» recita il ritornello plasmato da Martin Garrix con Bono e The Edge degli U2. «Siamo le persone che stavamo aspettando». Già. Nel bene e nel male. La vittoria finale ottenuta dall’Italia di Roberto Mancini ha chiuso una manifestazione per certi versi estrema nelle sue declinazioni. Pratiche, psicologiche, sociali. Umane, appunto. Una manifestazione che ha preso slancio da una tragedia per...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1