Il commento Alfonso Tuor

L’Europa vent’anni dopo l’euro

Il commento di Alfonso Tuor

Image

A venti anni dalla conclusione del processo che portò alla creazione della moneta unica, l’Europa è un cantiere aperto che deve completare il lavoro di consolidamento dell’euro e che soprattutto deve affiancargli una nuova politica fiscale, tra cui spiccano le regole su debiti e disavanzi pubblici nazionali, una strategia energetica comune e anche una politica estera all’altezza della sua forza economica e commerciale per non essere in balìa delle scelte di Stati Uniti, Cina e Russia. Infatti in questo spicchio di secolo grazie alla crisi greca e a quella dei debiti dei Paesi «deboli» (Italia, Spagna, Portogallo ed Irlanda) la moneta unica si è conquistata la banca centrale con la famosa frase di Mario Draghi «Farò tutto il necessario per salvare l’euro» e paradossalmente grazie al COVID si...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1
    IL COMMENTO

    Lo sguardo che ti inchioda di Czeslawa

    Oggi è il giorno della Memoria – Per Prisca Dindo, le gite scolastiche nei luoghi del Male dovrebbero essere obbligatorie – Ecco il racconto del suo viaggio ad Auschwitz e Birkenau

  • 2
    L’editoriale

    Quei capitomboli verso l’orrore

    Nel Giorno della memoria si moltiplicano le iniziative per non dimenticare - Il rischio, di fronte a così tanti eventi, è l’assuefazione - Ma per evitare gli errori di un tempo dobbiamo imporci di capire (e di soffrire)

  • 3
    Partygate

    Il senso di Johnson per la sbronza

    Da Downing Street a Boozing Street, passando per Clowning Street, la parabola discendente di «BoJo» continua – Leggi il commento di Antonio Caprarica

  • 4
  • 5
  • 1