L’editoriale Matteo Airaghi

L’importanza di dare i numeri (romani)

L’editoriale di Matteo Airaghi

Image

Strano è soltanto che qualche illuminato non ci avesse pensato prima. Nel sistematico processo di suicidio culturale che contraddistingue con preoccupanti accelerazioni la nostra epoca, i poveri numeri romani in fondo rappresentano il bersaglio perfetto. Ma anche un paradigma di grande forza simbolica per chiunque intenda, usando un minimo di buonsenso, resistere a questa deriva imperante. Per nulla omologabili, impossibili da semplificare, poco digitalizzabili, astrusi, démodé, in fondo superflui e sostanzialmente d’impiccio nell’epoca dell’ignoranza sbandierata e dell’incultura come valore di uguaglianza e di libertà (noi ironizziamo ma sono in tanti davvero a credere che sia così) ecco che dopo un primo tentativo poco pubblicizzato al Louvre, qualche giorno fa, l’ispirata responsabile del...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1