Il commento Carlo Silini

L’invisibile mondo dei giovani vecchi

Il virus è più clemente con le nuove generazioni, ma a medio e lungo termine la pandemia avrà conseguenze importanti su di loro

Image

Di certi ragazzi che sommano nella loro persona le caratteristiche mentali degli adulti a quelle fisiche degli adolescenti - teste piene di gravi pensieri su corpi acerbi da bambini allungati - si dice che “sono troppo giovani per essere vecchi e troppo vecchi per essere giovani”. Una frase che fotografa perfettamente il senso di inadeguatezza che spesso si prova alla loro età. Ci siamo passati tutti, chi lasciando crescere un’ombra di peluria sotto il naso spacciandola per un paio di baffi e chi vestendosi come una pin-up troppo piatta per essere credibile. Povere e tenere strategie per mettere d’accordo sostanza e apparenza, l’aspetto ancora infantile con pulsioni, passioni e, soprattutto, la voglia di essere “grandi”. Poi, un bel giorno, la vita passa il guado: lui si ritrova baffi veri...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1