Mondo Osvaldo Migotto

L’Iran e il nucleare che fa paura

Il commento di Osvaldo Migotto

Image

Ripartono a Vienna i negoziati sul nucleare iraniano fra Teheran, gli Stati Uniti e le altre cinque potenze alleate che firmarono il Trattato del 2015 (Cina, Russia, Francia, Regno Unito e Germania). La posta in gioco è molto alta perché Teheran potrebbe presto dotarsi della bomba atomica. Il processo negoziale aveva conosciuto un brusco scossone nel 2018, quando l’ex presidente USA Trump si era ritirato un lateralmente dal «patto» nucleare, accusando Teheran di non aver rispettato i termini dell’intesa e di sostenere i terroristi islamici. Alla decisione di Trump, avallata dal Congresso, seguì una serie di dure sanzioni americane contro Teheran. Restrizioni che hanno pesato sull’economia iraniana, impoverendo la popolazione. Alla fine il blocco commerciale nei confronti della Repubblica islamica...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1
    IL COMMENTO

    Lo sguardo che ti inchioda di Czeslawa

    Oggi è il giorno della Memoria – Per Prisca Dindo, le gite scolastiche nei luoghi del Male dovrebbero essere obbligatorie – Ecco il racconto del suo viaggio ad Auschwitz e Birkenau

  • 2
    L’editoriale

    Quei capitomboli verso l’orrore

    Nel Giorno della memoria si moltiplicano le iniziative per non dimenticare - Il rischio, di fronte a così tanti eventi, è l’assuefazione - Ma per evitare gli errori di un tempo dobbiamo imporci di capire (e di soffrire)

  • 3
    Partygate

    Il senso di Johnson per la sbronza

    Da Downing Street a Boozing Street, passando per Clowning Street, la parabola discendente di «BoJo» continua – Leggi il commento di Antonio Caprarica

  • 4
  • 5
  • 1