L’editoriale Ferruccio de Bortoli

L’Italia tra proteste, pragmatismo e ambiguità

Leggi l’editoriale di Ferruccio de Bortoli

Image

C’è la libertà di non vaccinarsi ma non quella di mettere in pericolo la salute degli altri. Ed è paradossale denunciare il green pass o certificato verde (così suona meglio) come strumento di una presunta dittatura sanitaria quando la stragrande maggioranza dei cittadini è vaccinata. Se vi fosse veramente una torsione autoritaria delle nostre società, non sarebbero ammesse le manifestazioni contrarie. Cortei e manifestazioni di no vax o no pass, invece, si svolgono un po’ in tutta Europa - in relativa sicurezza - grazie al senso civico degli altri, quelli che si ritengono a torto sudditi o complici. E ancora: perché negare alla quasi totalità dei vaccinati (in Italia oltre l’80 per cento chi ha più di 12 anni) o possessori di certificato verde di lavorare, andare in un bar o in un ristorante,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1