26 Cantoni Moreno Bernasconi

L’italiano nel Vallese

La rubrica di Moreno Bernasconi

Image

Solo dieci anni fa, il Canton Vallese aveva proposto l’«italianità» fra le proprie tradizioni viventi presentate all’Ufficio federale della cultura a sostegno della candidatura al Patrimonio immateriale dell’Unesco. Voleva sottolineare l’importanza decisiva dell’immigrazione italiana per la storia e l’identità del cantone: dai mercanti lombardi del Medioevo ai costruttori di dighe e di gallerie nell’Ottocento e Novecento fino ai grandi collezionisti d’arte come i Gianadda. Oggi, nel bilingue Vallese (suddiviso in distretti francofoni del sud e distretti germanofoni del nord), la terza lingua più parlata non è l’italiano. Malgrado la frontiera con la vicina Italia e col Ticino e i passi storici (Gran San Bernardo, Sempione e Nufenen) la terza lingua in Vallese è ormai il portoghese, parlato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1