Legge CO2 Paride Pelli

L’onda verde e lo scoglio di balzelli e pandemia

Leggi l’editoriale del direttore Paride Pelli

Image

L’onda verde non ha superato lo scoglio del portafoglio e la preoccupazione per l’oggi ha avuto la meglio sui buoni propositi per il domani: la revisione della Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO2 è andata così incontro, ieri, alla bocciatura, a dispetto dei sondaggi iniziali. È una conferma di come la vivace sensibilità per le problematiche ambientali emersa dalle urne alle Federali del 2019 si sia viepiù indebolita dopo l’esplosione di un «vero» tsunami, quello della pandemia, che ha imposto ai cittadini nuove priorità e una più chiara scaletta delle emergenze. Le «tasse virtuose» - un ossimoro, a leggerlo bene - che la nuova legge sul CO2 avrebbe introdotto sono state di fatto percepite come derogabili. Il timore - più che fondato - di vedersi mettere le mani nelle tasche...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1