Il Ticino verso il futuro Bruno Costantini

L’ottimismo oltre il fumo e i piagnistei

L’editoriale di Bruno Costantini

Image

«Dobbiamo, noi ticinesi, essere ottimisti. Senza ottimismo, senza il gusto della sfida, non si va lontano, si resta sul posto in un mondo che cambia». Con queste parole, un quarto di secolo fa, il 21 ottobre 1996, il consigliere di Stato Giuseppe Buffi salutava lo storico avvio delle lezioni all’USI. Quel progetto, poi cresciuto e da subito affiancato dalla nascita della SUPSI, era stato voluto con coraggio in un momento in cui il Ticino viveva una profonda crisi strutturale per l’impatto della globalizzazione sul tessuto economico, con un tasso di disoccupazione al 7,6%. Oggi quel tasso è al 2,7%, l’economia ha retto meglio del previsto alle conseguenze della pandemia e anche i bilanci degli enti pubblici, nonostante i conti in rosso da risanare, non sono sull’orlo del fallimento. Il Ticino...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1