il commento Tito Tettamanti

L’UE non deve massacrare la Polonia

Il commento di Tito Tettamanti

Image

È già successo nello scorso secolo. I due criminali Adolf Hitler e Iosif Stalin nell’agosto del 1939 firmarono un trattato di non aggressione. Con un protocollo segreto allegato venne deciso di cancellare la Polonia (e i polacchi) dalle carte geografiche attribuendone la parte occidentale ai tedeschi e quella orientale ai russi.

Nel settembre del 1939 la Polonia viene occupata ed inizia la Seconda guerra mondiale e con essa il crudele regime d’occupazione tedesco. Ricordiamo la distruzione di Varsavia, la tragedia del suo ghetto, e il nome della cittadina polacca di confine Auschwitz suona sinistro. I germanici vi hanno impiantato una delle peggiori fabbriche della morte, con un campo di sterminio con camere a gas e di incenerimento, dove sono stati assassinati tre milioni di ebrei, e diversi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1