Editoriale Osvaldo Migotto

L’UE, Orban e un’Europa

Ungheria e Polonia sempre più in rotta di collisione con le istituzioni di Bruxelles

Image

Il premier ungherese Viktor Orban ieri ha annunciato il lancio di un referendum sulla controversa legge, recentemente approvata dal Parlamento di Budapest, che vieta la propaganda LGBTQ. Normativa che l’UE giudica discriminatoria nei confronti di una minoranza e ne chiede dunque la revoca. Quella scelta dal leader politico magiaro è la stessa tattica adottata nel 2016, quando Bruxelles chiedeva all’Ungheria di partecipare alla ridistribuzione di migranti e profughi che giungevano a migliaia sulle coste dei Paesi UE affacciati sul Mediterraneo. In quell’occasione il quesito posto agli elettori intendeva stimolare lo spirito nazionalistico degli ungheresi: «Volete o no che l’UE possa obbligarci ad accogliere in Ungheria, senza l’autorizzazione del Parlamento ungherese, il ricollocamento forzato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1