regno unito Ferruccio de Bortoli

La Brexit e l’Europa tra ragioni ed emozioni

L’editoriale di Ferruccio de Bortoli

Image

Il Regno Unito è ufficialmente fuori dall’Unione europea. Anche se vi resterà di fatto almeno fino al 2021. Ora si cercherà di raggiungere un accordo per separarsi il meno possibile. Almeno sotto il profilo dei rapporti commerciali. Boris Johnson ha chiarito proprio ieri la sua strategia negoziale. Non esclude un drammatico no deal, un’uscita definitiva senza intesa. Sarà un duro confronto nel quale entrambi i contendenti difenderanno politiche e principi cercando di limitare i danni bilaterali, risultato che avverrà però solo con qualche ragionevole cedimento.

È uno dei tanti paradossi di un divorzio storico avviato con il voto del 23 giugno 2016. Nemmeno i più accesi sostenitori del no all’Unione europea pensavano allora di vincere il referendum. Il suo promotore, David Cameron, promise la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1