Venerdì scade la proroga concessa dall’Unione europea al Governo inglese per fare approvare dal Parlamento l’accordo sulla Brexit, faticosamente negoziata nel corso degli ultimi anni. Dopo tre voti negativi anche il primo ministro, Theresa May, ormai riconosce che non è possibile trovare una maggioranza parlamentare favorevole all’accordo sul tavolo, che prevede un periodo di transizione indefinito nel quale il Regno Unito sarebbe soggetto a tutte le regole europee, ma senza diritto di voto. Davanti a questa impossibilità, la signora May ha formulato un piano dell’ultima ora, che dovrebbe coinvolgere l’opposizione nell’approvazione di una unione doganale permanente. Naturalmente questa soluzione presume che l’Unione europea sia d’accordo nel lasciare scegliere al Regno Unito come impostare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1