Lo si è ripetuto più volte dall’inaugurazione della galleria ferroviaria di base del San Gottardo il 1. giugno 2016: la vera rivoluzione in Ticino scatterà dal dicembre 2020 con l’apertura del tunnel di base sotto il Ceneri che realizzerà la cosiddetta metropolitana ticinese, accorciando i tempi di percorrenza fra i centri, creando l’ossatura portante di un nuovo sistema della mobilità attorno alla rete delle Ferrovie federali che integri i diversi vettori di trasporto regionali e urbani, potenziandoli, e nuovi progetti come il tram-treno del Luganese (servizio a pagina 3).

Sin dall’ultimo ventennio dell’Ottocento la ferrovia, con le successive diramazioni regionali secondarie, ha rappresentato per il nostro cantone un determinante fattore di sviluppo, di integrazione con il resto della Confederazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1