L’editoriale Bruno Costantini

La Città Ticino fra sogni e realtà

L’editoriale del vicedirettore Bruno Costantini

Image

I cinque microcosmi comunali dell’alta Leventina per ora non vogliono sentir parlare di aggregazione. Ovviamente ciò non cambia i destini del Cantone. La stessa musica è suonata però da decenni anche nel Locarnese, unico polo urbano ticinese a mantenere la frammentazione territoriale e amministrativa del secolo scorso, con qualche anacronismo che rasenta il ridicolo. Nel basso Mendrisiotto, per evitare un concreto rischio di marginalizzazione di un’area di confine che ha comunque interessanti potenzialità, la discussione sulle fusioni comunali si è riaperta, ma non è detto che sfoci in qualcosa di concreto.

Quelli citati sono alcuni degli spunti che vengono dal Paese che si vorrebbe idealmente lanciato nella realtà della Città Ticino, o «smart city diffusa» secondo talune sofisticazioni intellettuali...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1