Il commento Osvaldo Migotto

La crisi nel Donbass e le mire di Putin nell’ex URSS

Piccoli passi avanti nel vertice a quattro tenutosi a Parigi

Image

Il vertice di Parigi sulla crisi nel Donbass (la regione orientale dell’Ucraina dove separatisti filorussi ed esercito di Kiev si combattono dal 2014) non ha prodotto svolte spettacolari, ma ha almeno favorito la ripresa del dialogo tra le autorità di Mosca e quelle di Kiev.

Solo il tempo potrà dirci se tale dialogo, favorito dal Quartetto Normandia (che oltre a Russia e Ucraina comprende Germania e Francia), riporterà la pace nel sudest dell’Ucraina. Per ora i risultati concreti sono modesti; è infatti stato deciso uno scambio di prigionieri, da attuarsi entro la fine dell’anno, e annunciato l'ennesimo cessate il fuoco sulla linea del fronte nel Donbass, anche questo da mettere in atto entro fine mese.

L’unica novità che lascia sperare in una svolta è che a Parigi è stato annunciato un nuovo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1