Editoriale Osvaldo Migotto

La Germania alle urne
e il futuro da modellare

L’indebolimento dei partiti tradizionali e la mancanza di leader carismatici renderà complessa la trattativa per formare il nuovo Esecutivo tedesco

Image

Dopo 16 anni passati alla guida del Paese la cancelliera tedesca Angela Merkel uscirà di scena all’indomani delle elezioni federali di domenica prossima. Dietro di sé lascia un Paese con alcune importanti sfide da affrontare ma sostanzialmente stabile, sia dal punto di vista economico, sia da quello sociale. Proprio negli scorsi giorni l’IFO, l’istituto economico di Monaco, ha pubblicato un aggiornamento delle previsioni di crescita del Prodotto interno lordo (PIL) tedesco che nel 2021 dovrebbe salire del 2,5%, mentre il prossimo anno crescerà del 5,1%. Previsioni positive anche per il tasso di disoccupazione che, secondo le stime del Fondo monetario internazionale (FMI), quest’anno dovrebbe attestarsi al 4,4%. L’economia tedesca, dunque, nonostante le pesanti ripercussioni negative prodotte...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1