L’editoriale Paride Pelli

La memoria per formare la coscienza

Il commento del direttore Paride Pelli per sottolineare la Giornata del 27 gennaio nella storia

Image

Ricordiamoci di non dimenticare. Soprattutto in un anno come questo – che ha visto i nostri vecchi rinunciare alle più basilari libertà a causa della minaccia pandemica – è auspicabile e doveroso anche verso di loro focalizzare ancora di più la nostra attenzione sul tema della memoria e sul necessario sforzo del ricordo e della sua trasmissione. Mai come oggi, infatti, la pratica della memoria è pericolosamente sotto tiro: velocità, fake news, social media pervasivi e fuori controllo, eccessiva fiducia nello stoccaggio digitale non solo delle informazioni ma pure dei sentimenti rappresentano delle minacce, tra tante, a un uso della memoria che non sia solo di circostanza o strumentale. Eppure la memoria, ognuno di noi nel profondo lo sa, rimane una e una sola, e permette alla nostra comunità...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1