il commento Paride Pelli

La natura scatenata, un segnale da cogliere

Image

C’è ogni volta una profonda sensazione di impotenza davanti alla natura che si scatena e che all’improvviso ci scarica addosso torrenti di pioggia e micidiali sassi di grandine, facendoci sentire inermi e impreparati: una sensazione che in questa estate così atipica e sfortunata abbiamo già provato in più occasioni e in diversi luoghi da nord a sud del nostro cantone, che ieri si è di nuovo trasformato da cartolina soleggiata e spensierata a paesaggio grigio e sinistro. E il pensiero non può non andare, oltre ai viaggiatori intrappolati sulle strade, anche a quei turisti, e sono tanti, che hanno scelto il Ticino per le loro vacanze, magari in un campeggio nei pressi di corsi e specchi d’acqua, ora ingrossati e minacciosi.

Chi accusa di isterismo coloro che denunciano il cambiamento climatico...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1