l’editoriale Ferruccio de Bortoli

La pandemia, la pazienza e il capitale sociale

L’editoriale di Ferruccio de Bortoli

Image

Da ieri la Lombardia è tornata in zona arancione. Bar e ristoranti hanno chiuso di nuovo. Solo asporto. Ma per la prima volta, sempre da ieri, una regione italiana è bianca: la Sardegna. Tutto aperto, solo obbligo di mascherina e distanziamento. L’Italia affronta quella che appare come una terza ondata con un sentimento misto: tra disciplina resistente, rassegnazione fatalista e qualche assembramento di troppo. Le paure e le ansie non hanno però confini. Quando saremo tutti vaccinati, si spera presto, valuteremo meglio anche le conseguenze di natura psicologica della pandemia: nuove solitudini ma anche un più forte senso di comunità. Un anno fa, davanti ai primi casi e alle conseguenti chiusure, avemmo tutti un moto di incredulità. Era l’altra faccia (arrogante) dell’uomo contemporaneo, troppo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1