Il commento Antonio Caprarica

La rovina della casa dei Windsor, il duca di York

Siamo lieti di ospitare il commento di Antonio Caprarica, giornalista, scrittore e saggista che inizia oggi la sua collaborazione con il nostro giornale

Image

Se vi avanzano venti milioni di sterline e amate sciare, l’occasione è ghiotta : un magnifico cottage tra le nevi e gli abeti di Verbier con vista sui ghiacciai del Cervino, sette camere da letto e altrettanti bagni, piscina riscaldata , sauna e gym, insomma una residenza degna della vacanza di un re. E in effetti a vendere, se non proprio un monarca, è il figlio di una regina, anzi la Regina, Elisabetta II d’Inghilterra. Accusato di violenza su una minorenne, vent’anni fa, Andrea duca di York ha bisogno di soldi per far fronte a spese legali milionarie. Mamma Lilibet giura che non tirerà fuori un centesimo. Ma tutti sanno che è già pronta a mettere mano al borsellino, nello sforzo di impedire che la rovina di Andrea provochi la caduta della Casa dei Windsor.

Se va bene, le costerà almeno...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1
    Taca la bala

    Gianni, l’amico degli africani

    Gli stratagemmi di Infantino per assicurarsi un numero importante di delegati in vista di una sua rielezione nel Congresso FIFA 2023

  • 2
  • 3
    L’editoriale

    Un problema di modi, metodo e idee

    Dal no al «superamento dei livelli» a scuola all’immobilismo della politica - L’editoriale del vicedirettore Gianni Righinetti

  • 4
    IL COMMENTO

    Lo sguardo che ti inchioda di Czeslawa

    Oggi è il giorno della Memoria – Per Prisca Dindo, le gite scolastiche nei luoghi del Male dovrebbero essere obbligatorie – Ecco il racconto del suo viaggio ad Auschwitz e Birkenau

  • 5
    L’editoriale

    Quei capitomboli verso l’orrore

    Nel Giorno della memoria si moltiplicano le iniziative per non dimenticare - Il rischio, di fronte a così tanti eventi, è l’assuefazione - Ma per evitare gli errori di un tempo dobbiamo imporci di capire (e di soffrire)

  • 1