Doveva capitarci in mano un libro di Luca Grion (di cui potete leggere l’intervista su CorrierePiù di oggi) per provare un moto di tenerezza nei confronti dei MAMIL, l’acronimo inglese che indica i «Middle-Aged Men In Lycra», cioè uomini (o donne) di mezza età strizzati nei loro capi sintetici.

Li vediamo dappertutto - più o meno atletici – avvolti in calzamaglie aderenti, molti in pista già alle sei di mattina, intenti a sacrificare mezz’ora di sonno al Moloch del fitness o dell’immagine, in un’eroica lotta quotidiana contro i trigliceridi e l’avanzare dell’età (lei, comunque, non smette mai di correre).

Sudano nell’aria torrida o sbuffano in quella gelida tirando dritto. Spesso paonazzi in volto, tendono a non salutare perché hanno i minuti contati. Finito il giro cronometrato, trasmettono...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1