Il commento Osvaldo Migotto

La svolta di Bruxelles e l’Europa che verrà

UE: il compromesso raggiunto dai Ventisette e gli ostacoli sulla via del rilancio economico

Image

Se dopo quattro giorni di duri ed estenuanti negoziati l’UE ha trovato un’intesa sul Recovery Fund (750 miliardi di euro) e su un bilancio europeo rimpolpato per il periodo 2021-2027 (1.074 miliardi di euro), buona parte del merito va attribuito alla cancelliera tedesca Angela Merkel. Forte della sua lunga esperienza politica (è ormai giunta al suo 15.mo anno di cancellierato) e delle sue doti di mediatrice, la leader politica tedesca ha favorito una soluzione di compromesso che proietta l’UE verso una nuova era. Ossia quella di un’Europa più integrata, visto che per la prima volta nella sua storia il Club di Bruxelles avrà un debito condiviso.

Non deve quindi stupire più di quel tanto se per trovare un accordo sia stato necessario un vertice fiume che martedì si è protratto fino alle prime...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1