Internet Emanuele Gagliardi

La truffa si nasconde nella Rete, ma non solo

Il commento di Emanuele Gagliardi

Image

Puntualmente ci riprovano. Utilizzando l’informatica entrano nelle case, o meglio nei computer delle potenziali vittime, cercando di portare a termine truffe di ogni genere. Alla fine di ogni tentativo, immancabile, arriva la richiesta di denaro che, sottolinea la polizia, non deve mai essere soddisfatta. La fantasia dei truffatori spazia in numerosi campi che, non di rado, vengono rivisitati nello spazio di pochi mesi. Perché i delinquenti sperano sempre di riuscire ad ingannare qualche navigatore della grande Rete ed intascare facile denaro riproponendo antichi canovacci. C’è chi ci casca, ma non sono pochi coloro che, davanti a strani messaggi, non esitano ad informare della loro presenza l’autorità. E così arrivano i comunicati stampa che si ripetono nel tempo e vengono diffusi con lo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1