Il termine ricorrente dei nostri giorni quando si parla di politica o di società è: crisi. In particolare preoccupa la crisi dei partiti social-democratici e quelli di ispirazione cristiana sostenuti da parte della borghesia. Hanno il merito di aver contribuito in modo determinante a reintrodurre la democrazia in Europa nel dopoguerra, si sono alternati al governo, poi, a seguito della perdita di consensi, riuniti in governi di coalizione che rappresentavano vaste maggioranze. Non è più il caso: oggi sono minoritari nell’elettorato. Sono sorti per contro movimenti anche di diverso indirizzo ma accomunati nelle proposte e nell’atteggiamento anti-establishment. Fenomeno che in modo più o meno virulento concerne tutti i Paesi europei. In Italia addirittura i due movimenti di protesta rappresentano...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1