I risultati nel primo trimestre di quest’anno delle due maggiori banche svizzere, UBS e Credit Suisse, mostrano una buona tenuta. Utili netti trimestrali per 1,1 miliardi di dollari (più o meno lo stesso in franchi) per UBS e di 749 milioni di franchi per Credit Suisse non sono male. È vero che per Credit Suisse si tratta di un aumento dell’8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e che per UBS si tratta invece di un calo del 27%. Ma, precisa UBS, nei primi tre mesi del 2018 c’era un quadro diverso e c’era stato anche un credito legato alla Cassa pensione in Svizzera. Insomma la flessione indubbiamente c’è per UBS, ma i primi tre mesi dell’anno scorso erano difficili da eguagliare per l’istituto. Dopo la ristrutturazione, anche dolorosa, degli anni passati, ora UBS procede lungo la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1