Sono donna e sono contenta di esserlo. Se potessi scegliere probabilmente sceglierei di essere donna. Ma non tutto quello che sta accadendo attorno alle donne mi piace. Lotto da sempre per l’autonomia, l’indipendenza e la parità delle donne: probabilmente da quando ho capito che ce n’era bisogno. Ma per me lottare per la parità di genere ha un chiaro significato. La nostra società, tutta la nostra società, deve volere le pari opportunità per uomini e donne, perché è una questione di giustizia sociale. In questo posso riconoscermi nello sciopero del 14 giugno. Ma lottare per le pari opportunità non significa che collettivi di donne, sezioni femminili di partiti o associazioni abbiano il diritto di parlare a mio nome, anzi. Dopo secoli in cui gli uomini hanno detto alle donne cosa pensare, cosa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1