Trasporti Bruno Costantini

Le FFS in cerca delle virtù perdute

L’editoriale di Bruno Costantini

Image

La scorsa settimana, tracciando il bilancio dei suoi primi cento giorni alla testa delle FFS, il CEO Vincent Ducrot ha affermato che la puntualità dei treni deve tornare a essere la priorità numero uno dell’azienda. «Al centro ci dev’essere tutto ciò che è funzionale alla circolazione ferroviaria: treni, stazioni, infrastruttura ferroviaria e collaboratori validi e motivati», ha specificato il successore di Andreas Meyer. Il concetto è di una banalità sconcertante (un’azienda ferroviaria di cosa si deve occupare se non della circolazione dei treni?) ma se il nuovo CEO, con già un passato nelle FFS, s’è sentito in dovere di evidenziare questo aspetto significa che c’è un problema non secondario.

Nonostante le Ferrovie abbiano oggi a disposizione infrastrutture che all’estero ci invidiano (a iniziare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1