Autogestione Paride Pelli

Le macerie che restano e il dialogo che manca

L’editoriale del direttore Paride Pelli

Image

Le macerie sono ancora lì, sotto gli occhi dei passanti, e qualcuno sui resti dell’ex Macello ha portato dei fiori in segno di solidarietà e persino di cordoglio, sebbene la fulminea quanto inattesa demolizione si sia conclusa senza un graffio alle persone. Ma ciò che è avvenuto nella notte di domenica di scorie e di detriti ne lascerà comunque altri, meno tangibili e molto più problematici per un Municipio a inizio legislatura già alle prese con dossier delicati. Ora che l’ex Macello non c’è più ci si rende conto di quanto un’operazione di questa portata, oggettivamente insolita per Lugano, possa avvelenare il clima politico e sociale. In tal senso, non è certo preludio di pace la denuncia penale da parte dei Verdi arrivata ieri pomeriggio a carico del Municipio. Ma più che lasciarsi attrarre...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1