Contromano Pino Allievi

Le qualità di Gasly

Tanti aspiranti campioni quando vanno al comando vanno in tilt, il francese a Monza ha retto la pressione

Image

Alzi la mano chi aveva pronosticato il semi-sconosciuto Pierre Gasly quale vincitore del Gran Premio d’Italia a Monza alla guida dell’altrettanto semi-sconosciuta Alpha Tauri: nessuno! Inevitabile ignorare sia il pilota francese, sia la monoposto di Faenza, dinanzi alla Mercedes dominatrice del Mondiale che pareva avviata conquistare i primi due posti, con Verstappen nel ruolo di jolly in caso di corsa rocambolesca. La gara, rocambolesca, lo è stata davvero. Ma ai primi quattro posti si sono piazzati piloti all’asciutto di vittore. Gasly ha rotto il ghiaccio in modo superlativo, offrendo 27 giri di pura classe che gli hanno permesso di tenere a bada un altrettanto bravo Carlos Sainz, l’uomo che nel 2021 salirà sulla Ferrari, per sua grazia o sua disgrazia. E Hamilton? E Bottas? Il secondo non...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1