Il commento Carlo Silini

Le quattro guerre della comunità LGBT

L’affermazione dei diritti di lesbiche, gay, bisessuali e transgender deve vedersela con complottisti, colpevolisti e falsi salutisti

Image

LGBTQ è un acronimo che sta per: persone lesbiche (L), gay (G) e bisessuali (B), cioè con orientamenti sessuali diversi da quello eterosessuale, e persone transgender (T), che cioè si identificano con un genere diverso da quello del sesso di nascita. La lettera Q sta invece per “queer”, un termine che vuol dire “eccentrico”, ma viene usato soprattutto da quanti non si riconoscono nelle definizioni tradizionali degli orientamenti sessuali e delle identità di genere. Per alcuni Q significa anche “questioning” (messa in discussione) e indica le persone che non sono sicure del proprio orientamento sessuale o della propria identità di genere. A volte si aggiunge una I alla sigla LGBTQ, dove la I sta per intersessuale, parola che indica una persona con caratteristiche fisiche diverse da quelle tradizionalmente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1