Il commento Paolo Galli

Le varianti rispetto alla realtà di prima

Il commento di Paolo Galli

Image

«Certo, dobbiamo prendere sul serio queste mutazioni, ma mi sembra che sin qua siano state troppo drammatizzate». Lo ha detto, in un’intervista al «Tages-Anzeiger», Thomas Steffen, medico cantonale di Basilea. Ammette una maggiore contagiosità delle varianti, di quella inglese, delle successive, ma lo fa sottolineando in particolare un aspetto. Ovvero che le armi per combatterle sono poi sempre le stesse. Si torna là, insomma, alle raccomandazioni che ci accompagnano ormai da mesi. In particolare, in questa situazione di lockdown - che sia soltanto parziale è poi una questione di punti di vista -, si torna a quella più straniante, il distanziamento. Ed è nel distanziamento che nasce da una parte la drammatizzazione dei fatti, dall’altra il dramma vero e proprio, un isolamento che rischia di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1