Il commento Osvaldo Migotto

Lo Stato ebraico prigioniero
del suo sistema elettorale

L’urgenza di un Governo stabile e la trappola del proporzionale

Image

Lo Stato ebraico è un Paese dove le tensioni tra israeliani e palestinesi sono sempre presenti ma che, tutto sommato, molti ammirano. Soprattutto di questi tempi in cui l’Esecutivo israeliano ha portato avanti in tempi record la campagna vaccinale per contrastare la pandemia di COVID-19. Il Paese ha inoltre saputo distinguersi negli anni per le capacità di innovazione, a livello tecnologico, e per il livello qualitativo dei prodotti offerti. Paradossalmente l’ostacolo maggiore con cui oggi il popolo israeliano deve fare i conti è rappresentato da un sistema partitico estremamente frammentato con leader politici e religiosi sempre più litigiosi. Il che si traduce spesso in Governi instabili. Lo conferma il fatto che negli ultimi due anni gli israeliani sono stati chiamati alle urne per ben...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1