L’editoriale Paride Pelli

Lugano, l’ex Macello e la spiaggia da sogno

Leggi l’editoriale del direttore Paride Pelli

Image

ll grattacapo dell’autogestione sembra non voler lasciare in pace Lugano, nemmeno durante le festività natalizie: lunedì sera qualche decina di autonomi ha dato vita a una piccola manifestazione non autorizzata per le strade della città e ha scandito cori di critiche soprattutto verso Michele Foletti che, dopo l’ultima occupazione-lampo dell’ex Macello, ha subito utilizzato il pugno duro. Il sindaco sarebbe reo d’essere meno accondiscendente e comprensivo del suo predecessore, il compianto Marco Borradori, pure lui, all’epoca, contestato sotto casa dai molinari. È sorprendente che questi ultimi continuino a pretendere uno spazio a loro congeniale e allo stesso tempo evitino - tra sporadici e timidi segnali di rinsavimento - un dialogo realmente risolutivo e pianificatore con le istituzioni...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1