L’editoriale John Robbiani

Lugano: vittorie, delusioni e blablà

L’editoriale di John Robbiani

Image

Questo Municipio ha fatto o non ha fatto? È una domanda semplice, ma che in realtà ha impegnato chi vi scrive un bel po’ prima di riuscire ad abbozzare una risposta sensata. Guardando la città dall’alto non si può non notare come dei grandi progetti – che Lugano si trascina dall’era Giudici (e Re Giorgio non è più re dal 2013) - si veda sempre solo e soltanto il LAC. Ma il numero di mattoni piazzati sui cantieri pubblici non può essere l’unico metro di giudizio. Non lo è stato nella «legislatura breve», quella del 2013-2016 in cui ci si concentrò quasi esclusivamente sul risanamento finanziario, e non può esserlo stavolta. Il Polo sportivo è stato portato a casa. Sì, ci sarà probabilmente il referendum, ma il Municipio ha fatto il suo. Il Consiglio comunale anche. Non è stato facile e, soprattutto,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1