La riflessione Roberto Cotroneo

Ma davvero è la narrativa il faro della cultura editoriale?

In una società sempre più sfaccettata il romanzo non sembra più essere la massima espressione intellettuale – Chi assegna i Nobel per la letteratura sembra averlo compreso, al contrario della maggioranza dei grandi premi internazionali

Image

In Italia il premio Strega è ormai una istituzione irrinunciabile. Con tutte le sue polemiche, e con le inevitabili contraddizioni resta una pietra miliare per i lettori. Nonostante la crisi dell’editoria la cinquina dello Strega resta ancora un punto di riferimento per coloro che amano leggere, ma che hanno difficoltà a orientarsi nella selva di titoli che escono ogni settimana. La scorsa settimana, in streaming ovviamente, sono stati annunciati i dodici titoli che concorreranno al premio. Di questi dodici si voterà una cinquina, della cinquina ci sarà la serata finale, a luglio, e si voterà il vincitore.

Da anni ci si chiede se i premi siano solo una passerella mondana, se davvero indicano i valori in campo nella narrativa, nella poesia o nella saggistica, o se invece sono giochi di società...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1