taca la bala Tarcisio Bullo

Mai senza il Lauberhorn

La rubrica di Tarcisio Bullo

Image

Immaginiamoci la città di Milano senza la Scala, Firenze senza gli Uffizi, oppure Vienna senza il suo concerto di Capodanno. O, per non allontanarci troppo dall’argomento in discussione, l’Austria orfana delle prove di Coppa del mondo di Kitzbühel. Inverosimile.

Il trofeo del Lauberhorn, incastonato tra le imponenti vette del Mönch, dell’Eiger e della Jüngfrau, è esattamente un simbolo come quelli che abbiamo citato ed è una delle manifestazioni sportive svizzere che godono della maggior visibilità al mondo secondo uno studio di Deloitte di alcuni anni fa. La sua è una storia quasi centenaria (90 le edizioni disputate) eppure c’è qualcuno che ne chiede la cancellazione dal calendario mondiale. Non un Carneade qualsiasi, bensì Swiss Ski, il cui presidente Urs Lehmann sogna addirittura di accedere...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1