Coronavirus Fabio Pontiggia

Medici in prima linea, ma non è il telefilm

L’editoriale del direttore Fabio Pontiggia

Image

La pandemia è segnata da storie tristi e dolorose che non risparmiano chi è in prima linea: medici e infermieri. Nonostante le rigorose misure di precauzione e protezione c’è purtroppo chi viene colpito dalla polmonite aggressiva e non ce la fa. Notizie che sconfortano. A volte sembra che i fattori esterni si alleino e si accaniscano contro la dignità umana. Una storia con valenza universale. Nel pomeriggio di martedì, in Spagna, nella provincia di Salamanca, è deceduta la dottoressa Isabel Muñoz. Aveva 59 anni. Viveva sola. Lavorava nel Centro sanitario del piccolo comune di La Fuente de Esteban (1.300 abitanti). Si era messa prudentemente in autoisolamento a casa per sintomi lievi in apparenza da coronavirus; attendeva i risultati degli esami che confermassero o meno la positività, prima...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1