Il commento Osvaldo Migotto

Migranti, barriere ed egoismi nazionali

Dal Mediterraneo alla Manica cercano una scappatoia per un futuro migliore in Europa

Image

Per l’Europa la sfida dei flussi migratori diretti verso il Vecchio Continente lungo diverse rotte si fa di giorno in giorno più complessa e drammatica. Al pesante bilancio dei migranti che ogni anno annegano nel Mediterraneo nel corso dei loro viaggi della speranza verso un futuro migliore, più recentemente si sono aggiunti i dati degli adulti e dei bambini morti assiderati sul confine tra Polonia e Bielorussia, diretta conseguenza del duro braccio di ferro in atto tra le autorità di Minsk e quelle di Varsavia sulla sorte di migliaia di disperati convogliati con l’inganno dal dittatore bielorusso Lukashenko a ridosso della frontiera con la Polonia. Se qualcuno pensava che i profughi non avessero alcun peso, il regime di Minsk, con un inaudito cinismo, ha voluto dimostrare il contrario, usandoli...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1