Nel Mediterraneo, tra un naufragio e l’altro, si ripetono i casi di migranti tratti in salvo che nessun Paese vuole accogliere. L’ultimo, in ordine cronologico, è quello della «Sea Watch» che da oltre due giorni vaga con 47 naufraghi a bordo in attesa di «un porto amico».

Ma c’è di peggio; domenica scorsa, in barba alle convenzioni internazionali sul salvataggio in mare di vite...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1