Un giorno imprecisato di tre anni fa la scrittrice francese Jane Sautière si è affacciata alla finestra del proprio appartamento al XIX arrondissement a Parigi e ha visto una signora che portava un termos in una mano e un sacchetto nell’altra. Nel termos c’era il te, nel sacchetto del pane. Jane Sautière non si è chiesta a cosa servissero bevanda e cibo. Da qualche tempo in quel...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1