Elezioni federali Giovanni Galli

Ora Cassis si troverà sotto attacco

Il commento di Giovanni Galli

Image

È ancora un’ondata a determinare i cambiamenti nell’assetto politico svizzero. Nel 2015 era stata quella migratoria a spingere oltre le aspettative un’UDC già in forte crescita per ragioni di politica interna. Quest’anno è stata quella climatica a premiare entrambi i partiti ecologisti, che hanno saputo cavalcarla abilmente cogliendo un risultato dalle dimensioni del tutto inattese; sia nella versione massimalista dei Verdi sia in quella più moderata dei Verdi liberali. I primi hanno letteralmente sbancato: nessun partito finora aveva mai conquistato 17 seggi in più in una sola tornata elettorale. La crescita dei Verdi liberali rispecchia quella delineata dai sondaggi, ma 9 seggi supplementari sono sempre un risultato da primato. L’onda verde è però partita da lontano. L’exploît delle due formazioni...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1