L’editoriale Matteo Airaghi

Osservare il presente con le lenti di Baruch

Si può giocare d’anticipo, soprattutto in questa epoca che strumentalizza e distorce il concetto di libertà

Image

Si può anche giocare d’anticipo. Anzi qualche volta può essere decisivo. E poi, diciamolo, delle idee di Baruch (alias Bento, come lo chiamavano in famiglia, alias Benedetto, come lo chiamavano i cristiani) Spinoza ne abbiamo bisogno subito nel nostro oggi confuso, irrazionale, menzognero e incerto. Epoca di cui, soprattutto, spaventa la distorsione e l’uso strumentale del fondamentale concetto di libertà. E allora, anche se il quattrocentesimo anniversario della nascita del grande razionalista sefardita olandese cadrà soltanto nel 2032, formuliamo l’augurio non solo per l’anno appena nato ma per tutto il prossimo decennio, che la nostra realtà sia un po’ più spinoziana. E pazienza se soltanto a nominarlo qualche anima bella parlerà subito di «radical chic» o se qualche coraggioso, approcciata...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1
    IL COMMENTO

    Lo sguardo che ti inchioda di Czeslawa

    Oggi è il giorno della Memoria – Per Prisca Dindo, le gite scolastiche nei luoghi del Male dovrebbero essere obbligatorie – Ecco il racconto del suo viaggio ad Auschwitz e Birkenau

  • 2
    L’editoriale

    Quei capitomboli verso l’orrore

    Nel Giorno della memoria si moltiplicano le iniziative per non dimenticare - Il rischio, di fronte a così tanti eventi, è l’assuefazione - Ma per evitare gli errori di un tempo dobbiamo imporci di capire (e di soffrire)

  • 3
    Partygate

    Il senso di Johnson per la sbronza

    Da Downing Street a Boozing Street, passando per Clowning Street, la parabola discendente di «BoJo» continua – Leggi il commento di Antonio Caprarica

  • 4
  • 5
  • 1