Fogli al vento Michele Fazioli

Parolone in libertà

La rubrica di Michele Fazioli

Image

Modi e mode di dire. Mario Draghi, premier italiano, venerdì al vertice europeo di Porto: «Le società inclusive sono le più resilienti». Ma cosa mai intendeva? Forse poteva semplicemente dire che una società dove c’è più giustizia sociale ha una maggiore solidità. Ma oggi dove vai se la resilienza non ce l’hai?Qui non si giudica l’autorevole capo del Governo italiano (ci mancherebbe, anche se viene la tentazione di soffermarsi su Draghi santo subito, che ci ricorda Ennio Flaiano: «Gli italiani amano correre in soccorso del vincitore»). Qui si accenna soltanto al dilagare di parole nuove diventate un vezzo. La resilienza salta fuori ovunque, la si usa per governi, società civili, squadre di calcio, programmi politici, amori. Nei dizionari «resilienza» nasce come termine tecnico, ovvero la proprietà...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1