Vertice Biden-Putin Osvaldo Migotto

Prime timide aperture ma resta la diffidenza

Leggi l’editoriale di Osvaldo Migotto

Image

A Ginevra nessuno si aspettava svolte clamorose nei rapporti tra Stati Uniti e Russia, e alla fine dei colloqui di Villa La Grange tra il presidente americano Joe Biden e il suo omologo russo Vladimir Putin si è avuta la conferma che tra i due leader politici su più punti vi sono visioni diametralmente opposte. Tuttavia il primo faccia a faccia tra i due statisti da quando Biden si è insediato alla Casa Bianca qualcosa di buono l’ha prodotto. I leader delle due principali potenze nucleari mondiali hanno ricominciato a parlarsi in un incontro nel quale ognuno dei protagonisti ha fatto capire chiaramente alla controparte quali sono le linee rosse che non vanno superate.

Uno scambio di vedute franco ma anche «costruttivo», come l’ha definito lo «zar» di Mosca. Anche se alla fine l’unico risultato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1