Società Paride Pelli

Quel dito puntato contro chi vola

L’editoriale di Paride Pelli

Image

Perché ci si vergogna? Di solito, per azioni considerate disoneste o riprovevoli. Oppure, nei casi migliori, per timidezza, imbarazzo, eccesso di pudore. Da qualche tempo però, cioè da quando l’onda verde ha modificato l’opinione che molti di noi avevano sullo stato di salute del pianeta e ci ha giustamente sensibilizzato sui temi legati all’ambiente, al clima e alla sostenibilità, c’è anche un’altra causa di vergogna, o quantomeno di rossore. Ed è il volare, il prendere aerei, l’imbarcarsi per lavoro o per diporto. Niente a che vedere, beninteso, con quella paura di salire su un velivolo che affligge ancora molte persone che rischierebbero letteralmente di «farsela sotto» e diventare poi bordò per la mortificazione. Si tratta, invece, della «flight shame». Due paroline inglesi che significano...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1