Il commento Gianni Righinetti

Quell’MPS, spina nel fianco della politica

Sulla previdenza dei consiglieri di Stato una sconfitta che sa di vittoria per la coppia Sergi-Pronzini - Il commento del vicedirettore Gianni Righinetti

Image

Il sì nella misura del 52,1% alla nuova Legge sulla retribuzione e sulla previdenza professionale dei membri del Consiglio di Stato dice che il tormentone cantonticinese che si trascina da anni è finalmente chiuso. E le urne ci hanno detto che ad essere stato accolto è il progetto sostenuto dalla netta maggioranza delle forze politiche rappresentate in Gran Consiglio. Il risultato pratico di questo esercizio democratico è che i futuri membri dell’Esecutivo, quando usciranno di scena, non beneficeranno più di una rendita vitalizia, bensì di un’indennità d’uscita o di un reddito ponte, a dipendenza dell’età al momento della cessazione dell’attività. Ma nella lettura del verdetto uscito dalle urne non deve sfuggire, men che meno essere sminuito, il massiccio voto contrario che è stato possibile...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1