Il Commento Flavio Viglezio

Roger Federer: la sacra erba, Muhammad Ali e il giardino di casa

Il basilese vincendo ad Halle ha già lanciato il guanto di sfida in vista di Wimbledon

Image

Un torneo di Halle in più in bacheca non cambia in fondo la vita a Roger Federer. Anche perché il profumo dell’erbetta tedesca non è quello di Wimbledon. Vincere è sempre bello per carità, soprattutto a quasi 38 anni, ma l’ennesimo successo in Germania sul piano strettamente contabile – diciamo così – è buono soprattutto per migliorare le già stratosferiche statistiche del Maestro....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1