Il commento Nicola Bottani

Sì, aiutiamoli in casa loro

Il commento di Nicola Bottani

Image

«Aiutiamoli a casa loro!». Quante volte abbiamo sentito questo slogan, quando il tema delle discussioni – o piuttosto quando si inveisce contro di loro – riguarda immigrati oppure profughi che lasciandosi alle spalle i loro Paesi d’origine cercano di ritagliarsi un futuro migliore e meno problematico in nazioni più ricche o quantomeno non tormentate da conflitti armati? Sono così tante, le volte, che abbiamo perso il conto. Eppure, quell’«aiutiamoli a casa loro», se detto con cognizione di causa e tradotto in concreta realtà, può avere ben altri significati, costruttivi e non di chiusura. A dircelo è Claudio Tognola, capo della Divisione Africa occidentale ed educazione in seno alla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), organismo della Confederazione che dipende dal Dipartimento...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1