Gira e rigira, in un modo o nell’altro, si torna sempre lì: per risolvere i problemi, dicono, la via migliore è stampare moneta e tenere alta la spesa pubblica, così l’economia va nettamente meglio. È una posizione antica, che si ripropone di volta in volta attraverso forme nuove. Peccato che l’esperienza concreta abbia dimostrato esattamente il contrario e cioè che tra le condizioni per una solida crescita economica ci sono il non esagerare con la quantità di moneta e il porre limiti alla spesa e al debito pubblici.

Attualmente sia negli Stati Uniti che in Europa ci sono esperti di economia ed esponenti politici che ripropongono la stagionata ricetta dello stampare e spendere, seppur con vestiti rinnovati. Su questi versanti si è sviluppato un interesse verso il Giappone, Paese che è in realtà...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1